La Chiesa della Madonna delle Grazie e il Miracolo dell’Acqua

la Madonna delle Grazie di Fabro

La Madonna delle Grazie di Fabro

Salvo le notizie sul Miracolo dell’Acqua, sulle origini della Chiesa della Madonna delle Grazie non si conosce nulla. Nonostante ciò, la poca documentazione in nostro possesso ci può comunque aiutare a tracciare una sua breve storia.

Grazie agli antichi catasti è possibile conoscere il momento in cui il luogo fu iniziato ad essere chiamato Madonna. Nel 1292, ad esempio, la zona sembra chiamarsi semplicemente Fontanella [1] con un chiaro riferimento alla presenza della fonte dove, qualche secolo dopo, sarebbe avvenuto il miracolo che avrebbe dato origine alla chiesina. I catasti  del 1562 e del 1566 riportano, invece, i toponimi Madonna o Madonnuccia, e quello del 1627 Madonnella [2]. A differenza del toponimo medievale, in cui si fa riferimento alla sola fonte, i toponimi rinascimentali sono strettamente legati al miracolo e all’effige della Vergine situata presso la fonte. Si può supporre quindi che il miracolo sia avvenuto prima della redazione di questi catasti.

Zona Chiesa della Madonna delle Grazie

Zona Chiesa della Madonna delle Grazie – Catasto Tiroli 1767

La chiesa, come si è visto nell’articolo sul catasto del 1767, era a pianta rettangolare con abside quadrato. In un documento della fine dell’800 relativo alla Parrocchia di Fabro [3] è riportata un brevissima descrizione dell’interno: il soffitto aveva un’intelaiatura in legno ed l’altare era in stucco. Alle spalle di questo era presente un affresco raffigurante la Madonna con Bambino, ma non si hanno altre notizie.

Continua a leggere